ALBUM

TOGLIAMOCI LA VOGLIA

2017

"Si parte da una passione che nasce insieme a me: la musica. Si prosegue con un sogno…
ed ecco che questo sogno diventa realtà.
Realizzare questo disco è stato un lavoro lungo, impegnativo, tanto emozionante.
E tutte le mie emozioni sono qui"


ASCOLTA
TRACKLIST

Cosa c’è che non hai che vorresti avere
Cosa c’è che ti vuole e lo lasci andare
Cosa c’è che ti tocca e non puoi toccare
Cosa c’è che ti frena e c’èda saltare

Togliamoci la voglia stanotte
Ascoltiamo questo istante
E se non ci pensi sarà più forte
Se qualcosa resta, resta qua
Togliamoci la voglia stanotte
Comunque mi perdonerei
A me capita con te
A me capita con te

Cosa c’è che comincia e tu devi andare
Cosa c’è che è in discesa se vuoi salire
Cosa c’è di sbagliato a sentirsi giusti
Tipo adesso io e te e fuori tutti
Cosa c’è di importante, tienilo a mente 
Tipo io e te e il resto non ci fotte niente

Togliamoci la voglia stanotte
Ascoltiamo questo istante
E se non ci pensi sarà più forte
Se qualcosa resta, resta qua
Togliamoci la voglia stanotte
Comunque mi perdonerei
A me capita con te
A me capita con te

Non facciamo finta che non sia normale
Quando senti tutto, tutto quanto vale
A me capita con te
A me capita con te

Non facciamo finta lo sai che ci fa male
Quando ci sei dentro poi dove vuoi andare
A me capita con te

A me capita con te
Di fare l’alba come se fosse la prima volta che lo faccio
Ridere di gusto, avere tatto
A me capita con te di non sentire la sveglia, di avere fretta
Di capire che la casa è qualcuno che ti aspetta
A me capita con te di non avere fame
Di avere sete, di non sapere più che fare
E ora togliamoci la voglia, togliamoci i vestiti
Ci vuole un gran coraggio ad essere felici

Togliamoci la voglia stanotte
Ascoltiamo questo istante
E se non ci pensi sarà più forte
Se qualcosa resta, resta qua
Togliamoci la voglia stanotte
Comunque mi perdonerei
A me capita con te
A me capita con te

Bruciamo forte in questa notte
Fari sopra un promontorio
Il mare bussa sugli scogli
Il vento taglia, rasoio
A me capita con te di non vedere le stelle cadere ma nascere
Di arrivare ad amare le chiacchiere
Di capire un po ‘ di gossip
Non pensare ai presupposti
Di averti a tutti i costi

A me capita con te
A me capita con te
A me capita con te

Come stai
Cosa pensi di me di te
Noi siamo la stessa faccia ma chissà
Cosa vestirò stasera
Cambio prospettiva
Ma già so questa vita
Ha mille volti un solo sguardo
Per capirla vado a fondo

La mia essenza resta appesa
Ad ogni passo trasformo l’attesa
Quante maschere siamo
In un viso nascosto
C’è un mondo e viviamo

Ma la vita che cos’è 
Un abbraccio al sole
Ogni istante lascerà
Segni sulla pelle
E in un attimo ci sfugge
Catturiamola in quel battito di eterno fra di noi

Guarda che luna
Ogni notte la stessa ma è sempre diversa
Gioca da sola 
Ma la sua luce brilla ancora
Cambia prospettiva
Come questa vita
Si riflette in uno sguardo
Ci specchiamo in un abbaglio

Capire
Sognare
Ferire
Distrarsi
Vedere
Toccare
Riuscire a colpirsi
Andare 
Lontano 
Lasciare che il tempo
Stravolga lo spazio
E continui a stupirci

Ma la vita che cos’è
Un abbraccio al sole
Ogni istante lascerà 
Segni sulla pelle
E in un attimo ci sfugge
Catturiamola in quel battito di eterno fra di noi
Che non resteremo mai mai mai
Distanti
E non cercheremo mai mai mai
Di tradire i nostri sensi

In fondo in questa ipocrisia
C’è nascosto un paradiso che ci avvolge
In questa instabile follia
Siamo liberi nel vento
E con le braccia aperte
Costruiamo il nostro mondo

Ma la vita che cos’è
Un abbraccio al sole
Questa vita traccerà
Segni sulla pelle
E in un attimo ci sfugge
Catturiamola in quel battito di eterno che c’è di noi
Che non resteremo mai mai mai
Distanti
E non cercheremo mai mai mai

Ma non resteremo mai mai mai
Distanti
E non cercheremo mai
Di tradire i nostri sensi

Ma la vita che cos’è
Questa vita va da sé 

Mi vesto e sono sola,
è già passata un ora
tu che parlavi mentre io sceglievo ogni parola,
ma è già mattina.

In mezzo alle lenzuola,
rimane vivo ancora,
il tentativo di confonderci senza paura 
ma non mi sfiori mai

se seguissi solo la tua logica
sarebbe meglio farsi piccola restarti chiusa in tasca 
e poi sentirmi la tua bambola

E invece io mi sento unica
bellissima
nonostante le tue scuse

e adesso volo e non ho limite
e se mi spingi verso il margine
non cado stanne certo
sono il mio paracadute

e - e - e - e - e - e - e
sono il mio paracadute

E forse è vero allora
che una partita sola
non può bastare a chi scommette nella sua vittoria
mai non si vince mai 
 
se seguissi solo la mia logica
diresti che sono una stupida 
ma guarda sono libera
resisto ad ogni trappola

E invece io mi sento unica
bellissima
nonostante le tue scuse

e adesso volo e non ho limite
e se mi spingi verso il margine
non cado stanne certo
sono il mio paracadute

e - e - e - e - e - e - e
sono il mio paracadute

E invece io mi sento unica
bellissima
nonostante le tue scuse

e adesso volo e non ho limite
e se mi spingi verso il margine
non cado stanne certo
sono il mio paracadute 

Un’altra vita ad aspettare gli altri, i sogni fatti
I cuori infranti, i suoni tanti
Allora quanti pianti 
Se vivo alla giornata e adesso aspetto quei momenti
Profumo sulle lenzuola, ricordi prepotenti
E di noi due mi mancano pure grida e lamenti
Attendo il vento, sulla penna i miei ragionamenti
I fari spenti nei parcheggi e cose di altri tempi
I movimenti ambigui fatti come scatti lenti

E chi sap’ tutt chell ca’ succere mo’
Nuje ca’ si nun ce verimm si mme manc ancora
Già seconda puntata, passa n’ata jurnata
Rint e nott’ stunat e vire ch’ore song

Le 5 e mezzo e non si dorme
La luce è qui fuori
E nei mercati della mia città li senti i cori
Non è cambiato nulla, come li ho lasciati giù
E manchi tu
Ti penso pure se risuona il groove

Guarda quanto è immenso il mare
Notti insonni ad aspettare
Sei come sale sei
Tu bruci dentro agli occhi miei
Sento addosso ogni tua emozione
Io non so dimenticare
Sei come acqua sei
Che scorre e non disseta mai

No, non eri ciò che mi aspettavo
L’eco del tuo nome fa rumore e viaggia piano

Cammino sulla battigia e guardo la mia camicia
Da Mykonos a Ibiza
Feste e chi la pizza

E allora tu, non sei più tu
E ciò che è stato ormai non conta più

In mezzo a mille fatti ti cerco per la nazione
Saprei distinguere tra cento qual è il tuo colore

Guarda quanto è immenso il mare
Notti insonni ad aspettare
Sei come sale sei
Tu bruci dentro agli occhi miei
Sento addosso ogni tua emozione
Io non so dimenticare
Sei come acqua sei
Che scorre e non disseta mai

T’arricourde chella sera nuje guardann’ o mare
na canzon rint’ a ‘nu stereo e vir’ o’ panorama
A’ luna ca c’ha puntat e mo’ ca nun ce staje cchiù
Cu’ sti ricuord sfumat’ e mman rint’e mman

E di certo non so dirti quello che non so
Se ti vedo poi mi aspetto che non sbagli e no

Già seconda puntata, passa n’ata jurnata…

Guarda quanto è immenso il mare
Notti insonni ad aspettare
Sei come sale sei
Tu bruci dentro agli occhi miei
Sento addosso ogni tua emozione
Non la so dimenticare
Sei come acqua sei
Tu scorri e non disseti ma

E chi sape tutt chell ca’ succere mo’
Nuje ca’ si nun ce verimm si me manc’ancor’
Già seconda puntata, passa n’ata jurnata
Rint’e nott’ stunat’ e vir ch’ore sòng

Mai mai mai mai mai
E non disseti mai

   
E chi sape tutt chell ca’ succere mo’
Nuje ca’ si nun ce verimm si me manc’ancor’
Già seconda puntata, passa n’ata jurnata
Rint’e nott’ stunat’ e vir ch’ore sòng
Mai mai mai mai mai
Tu non disseti mai

 

Attimi 
Che si perdono nel buio siamo complici
Nello stesso sbaglio

E’ meglio perdersi
Che nascondersi, confondersi tra gli alibi

Perché l’anima è ribelle
Ci travolge lentamente
Sono stimoli incontrollabili
Sono graffi sulla pelle

Viversi in un attimo
Viversi in un brivido
Lasciamo che sia un battito
A cancellare un brivido
Perdiamoci in un angolo
Quell’angolo di cielo che c’e’ in noi

Liberi
Di lasciarsi e poi riprendersi o viversi
Sarebbe facile dimenticare
Forse più facile dimenticarsi
Fermare il tempo non è possibile
Ma ad ogni passo resti immobile

Perché l’anima è ribelle
Ci consuma lentamente
Sono codici indecifrabili 
Queste impronte sulla pelle

Viversi in un attimo 
Viversi in un brivido
Lasciamo che sia un battito
A cancellare un livido
Perdiamoci in un angolo
Quell’angolo di cielo che c’e’ in noi
Come occhi sopra al mondo siamo noi

No non si può
Negare che il nostro sia solo un eccesso
No non si può
Lasciare che tutto sia un compromesso
Gravita nell’aria quest’intimità
Gravita nell’aria questa verità

Viversi in un attimo 
Viversi in un brivido
Lasciamo che sia un battito
A cancellare un livido
Perdiamoci in un angolo
Quell’angolo di cielo che c’e’ in noi
Come occhi sopra al mondo siamo noi

Cambierà anche stagione
L’inverno più mite su noi soffierà
E sarà più dolce novembre
Sulla tua pelle non si poserà

E mi chiedo come ho fatto
Piove il cielo sull’asfalto e non ho te
Resta l’abitudine mia stupida 
Di chiedermi perché

Dimmi chi c’è
A prendersi cura di te
A darti le cose che vuoi 
In fondo rubandole a noi

E cambierà fra le persone
E anche il dolore non brucerà no no
E sembrerà un raggio di sole
Se un vecchio amore ritornerà

Ed io mi chiedo come ho fatto
Piove il cielo sull’asfalto e non ho te
Ho ancora l’abitudine mia stupida 
Di chiedermi perché.. perché

Ma dimmi chi c’è
A prendersi cura di te
A darti le cose che vuoi
In fondo rubandole a noi

Dimmi se ti spogli e ti ricordi di me
Che ti rivedo quanto grande sei
E quanta luce fai nei giorni miei

Dimmi se ti spogli e ti ricordi di me
Che ti rivedo quanto grande sei
E quanta luce fai nei giorni miei

Mi perdo spesso 
Tra mille sguardi
Mi cerco quotidianamente
E parlo spesso dei miei traguardi
E poco di me

Di me che sempre
In questo mondo non mi trovo mai
E adesso parlo
Parlo solamente di una nuova me

Di me che fragile allo specchio ogni mattina
Cerco un modo per evadere da queste circostanze 
Che mi legano 
E non mi lasciano sorprenderti mai più
Ma questa sono io

E dietro le apparenze
Con le mani in tasca dimmi quanto sia importante
Averti scelto tra la gente
A volte non ci serve avere un tempo per sbagliare
Un giorno per ricominciare
E per lasciarsi andare
Io che a lasciarmi andare 
Non ho provato mai 

Mi perdo spesso 
Nel mio silenzio
E forse è stato meglio non averti accanto
Però mi tengo ogni dettaglio
E mi perdono ormai
In questo inverno che confonde e poi riprende i suoi perché

E dietro le apparenze
Con le mani in tasca dimmi grido sia importante 
Averti scelto tra la gente
A volte non ci serve avere un tempo per sbagliare
Un giorno per ricominciare
E per lasciarsi andare
Io che a lasciarmi andare 
Non ho provato mai mai

Ed oltre queste scelte
Con le mani nelle mani sento la tua pelle
Sento come sia importante stare insieme a non far niente
Ma con la voglia di provare a non esserti indifferente
Tu che indifferente a me
Non sei stato mai

Non c’è ragione né guerra
Nessuna promessa per me
E con i piedi per terra mi sento più forte di te
Ma resterà il nostro tempo vissuto a metà
Sarà ricordo bugia o verità

E dietro le apparenze 
Con le mani in tasca dimmi quanto sia importante
Averti scelto tra la gente
A volte non ci serve avere un tempo per sbagliare
Un giorno per ricominciare
E per lasciarsi andare
Io che a lasciarmi andare 
Non ho provato mai 

Mai mai mai
Mai mai mai

Lo so andrà tutto bene
È solo un attimo 
Ma adesso il sole sembra spento 

Sotto questa costellazione 
Riscrivo io le tue parole 
Mentre mi accorgo che 
È stato un altro errore 

Se adesso tutto intorno diventasse niente 
Io forse troverei la forza per reagire 
E dirti ancora quanto sei importante 

Ti fermi e cadrai come la neve 
Nell'attimo che non ti perdoni mai 
Ti scioglierai 
È una lacrima che resterà per sempre 
E ci ritroverà insieme  

Soltanto il mio silenzio 
Rimane stabile 
E chissà come sarebbe stato ma non è così 
A volte sai la confusione 
Rimette tutto in ordine
Perché l'amore forse è tutto qui 
Ma non lo so spiegare 

Ti fermi e cadrai come la neve 
Nell'attimo che non ti perdoni mai 
Ti scioglierai 
È una lacrima che resterà per sempre
E ci ritroverà  

E non è niente di particolare
Se dimentichiamo quello che ora c'è
E forse capirai 
Mi guardi e già lo sai 

Ti fermi e cadrai come la neve 
Nell'attimo che non ti perdoni mai 
Ti scioglierai 
Sei una lacrima che resterà per sempre
Per sempre  

Lo so andrà tutto bene 
È solo un attimo

Visti dall’alto

Non siamo nient’altro

 che una palla blu nello spazio

Un’acqua marina sul tuo décolleté

L’amore è la prova che Dio c’è

Ma è l’odio a salare la terra

Lo stesso che sala la guerra

E c’era un ragazzo che come me

Amava una donna che era come te

C'era un ragazzo
che come me amava i Beatles
e i Rolling Stones
girava il mondo, veniva da
gli Stati Uniti d'America.

Non era bello
ma accanto a sé aveva mille donne se
cantava «Help» e «Ticket to ride»
o «Lady Jane» o «Yesterday».
Cantava «Viva la libertà» ma
ricevette una lettera,
la sua chitarra mi regalò
fu richiamato in America.
Stop! coi Rolling Stones!
Stop! coi Beatles. Stop!
m’han detto va’ nel Vietnam
e spara ai Vietcong...
Ta ta ta ta ta...

Amore fa freddo, tienimi stretto

Cullami forte, mi brucia il petto

Dicono la morte sia come un sogno

Io chiamo sempre il tuo nome nel sonno

E non so se dormo davvero

O se spengo stelle nel nero

Mi aggrappo ai ricordi più forti che avevo

E se non ce la faccio tu digli chi ero

Non ero Parigi, Bruxelles o Berlino

Ero un ragazzo e prima un bambino

Ho avuto la fortuna immensa di sentirmi vivo

Anche senza motivo

Dì a mia madre e a mio padre che ho una foto di noi dove sorrido

E qualunque cosa mi accada io vi sarà vicino

Stop! coi Rolling Stones!
Stop! coi Beatles. Stop!
Nel petto un cuore più non ha
ma due medaglie o tre...
Ta ta ta ta ta...

Ta ta ta ta ta… 

Guardo la mia città a luci spente
Nella bellezza di notte ci si perde
Tu non sei contemplato veramente
No no no no

Sei il fantasma che invade la mia stanza
Appari sempre al tramonto
All’alba sono guai
Apro gli occhi e non ci sei

Tu sei l’ombra sei come il vento
La fiamma di una candela che di giorno
Resta solo cera

La notte stimola i sensi ti confonde
È stato solo un errore che non rifarò
La notte è stata perfetta ma una notte
Non cancella la tua assenza dai ricordi che ho
No no no no
No no no no

Guardo la mia città che si riaccende
Con lei prevale la mente, adesso te ne vai
Non c’è più niente da dire
Solo lacrime amare
Sono lacrime da dimenticare 

La notte stimola i sensi ti confonde
È stato solo un errore che non rifarò
La notte è stata perfetta ma una notte
Non cancella la tua assenza dai ricordi che ho

Mi lasci addosso il tuo profumo
Che si confonde col mio
Ma resta il vuoto di ogni giorno che ho passato
Ad aspettare le parole che non ho saputo dire

Tu sei l’ombra sei come il vento
La fiamma di una candela che di notte
Che di notte…

La notte stimola i sensi ti confonde
È stato solo un errore che non rifarò
La notte è stata perfetta ma una notte
Non cancella la tua assenza dai ricordi che ho
La notte brucia i miei sensi mi travolge
Sei stato solo un errore che non rifarò
La notte è solo una scusa ma una notte
Non cancella la tua assenza dai ricordi che ho

No no no no
No no no 
No no no no
No no 

Come sabbia tra le dita 
Contro tempo la mia vita 
Nell’attesa che sia giorno
Che sia il tempo del ritorno
Come tutto fosse niente
Come l’attimo  il presente
Io ti cercherò in ogni fragile respiro
Come l’alba all’improvviso
Come sale sul mio viso
Quando ami fa più male 
Anche il solo respirare 
Se non senti il suo calore
Sulla pelle in fondo al cuore
Tu lo cercherai in ogni fragile respiro
   
Come fosse amore
Ma più intenso del dolore
Meno fragile è capire
Che l’attesa fa impazzire
Se non resta che un momento
Se mi sento vuota dentro
Tu proteggimi 
Stanotte cullami
Perché ho bisogno di te
Perché se tutto cambia io no 
Non cambierò
Adesso cullami
Anche se non sarai 
Più qui con me al mio risveglio
Tu stringimi ancora
   
Stanotte cullami
Perché ho bisogno di te
Perché se tutto cambia io no 
Non cambierò
Adesso cullami
Anche se non sarai 
Più qui con me al mio risveglio
Tu stringimi ancora di più
E ancora domani ci proverò ancora
Rialzarmi  e cadere rialzarmi e capire
Che forse non serve fuggire lontano 
Se viaggi col cuore legata ad un uomo
   
Come sabbia tra le dita 
Contro tempo la mia vita 
Come l’acqua cerca il mare
Tu  sarai  con me
Stanotte cullami
Perché ho bisogno di te
Perché se tutto cambia io no 
Non cambierò
Adesso cullami
Anche se non sarai 
Più qui con me al mio risveglio
Tu sfiorami ancora...

 

Non, rien de rien
Non, je ne regrette rien
Ni le bien qu'on m'a fait
Ni le mal, tout ça m'est bien égal !
 
Non, rien de rien
Non, je ne regrette rien
C'est payé, balayé, oublié
Je me fous du passé !

 
Avec mes souvenirs
J'ai allumé le feu
Mes chagrins, mes plaisirs
Je n'ai plus besoin d'eux !
 
Balayées les amours
Et tous leurs trémolos
Balayés pour toujours
Je repars à zéro
 
Non, rien de rien
Non, je ne regrette rien
Ni le bien qu'on m'a fait
Ni le mal, tout ça m'est bien égal !
 
Non, rien de rien
Non, je ne regrette rien
Car ma vie, car mes joies
Aujourd'hui, ça commence avec toi